Quale natura?


Leggendo "Il richiamo della foresta": la natura selvaggia è rude, sgarbata e matrigna. Non c’è pietà per il debole o il perdente, viene annientato e diventa cibo per gli altri. E così anche in un film dell’anno scorso, "Into the wild": il protagonista commette uno, due errori di valutazione e viene punito nel modo più atroce possibile.
Continuiamo?
In "Prepararsi un fuoco" la somma di più disattenzioni costa cara al cercatore solitario, molto cara.
L’arrogante, il debole, l’avventato, l’inesperto vengono puniti. Non c’è pietà, nessuna misericordia. L’ordine naturale è assoluto e spietato.
L’ordine naturale è dinamismo, è energia che si libera e si trasforma, è estinzione e ripopolamento.
Questa è la legge naturale, che piaccia o no.

Appunti scritti nel febbraio 2009 e riemersi dai riordini e dalle revisioni.
51QNHBVZZ3L._SS500_

Annunci

3 commenti su “Quale natura?

  1. JohnDeere ha detto:

    Ancora oggi mi faccio domande su “Supertramp”: eroe o idiota? Non esiste la via di mezzo nel suo caso. Noi siamo la via di mezzo? Abbiamo ragione di pensarlo?
    Bello anche il film e la colonna sonora di un maturo Eddie Vedder

  2. serpillo ha detto:

    La natura e’ un po’ come il tempo atmosferico: segue la propria strada senza guardare in faccia nessuno.

    Serpillo

  3. gpcastellano ha detto:

    @johndeer: è la stessa domanda che mi sono fatto più volte… e forse la mancanza di risposta è l’aspetto più stimolante.

    @serpillo: meglio così!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...