Acqua, uomo, monte

vajont_guerrino_bortot

"L’ultima valle"
di Carlo Sgorlon
Dai fili di letture giungo a scoprire questo romanzo di Carlo Sgorlon, autore a me finora ignoto. L’ultima valle delle Alpi si apre alla costruzione di una strada, di una diga, di un lago. Il contrasto tra la povertà "vecchia" e la ricchezza "moderna" sono raccontati da Sgorlon con accenti  che ricordano certi passi del Libro di Giobbe. Le figure del vecchio Isaia, delle "due mogli", Rita e Caterina, dell’ingegnere artefice dell’ingresso della valle nell’epoca moderna si intrecciano con la presenza della Terra e delle montagne che franeranno nel lago. L’accenno al Vajont è evidente, ma nel libro ci si svincola dalla polemica e dalla critica per chiedersi come, quando e se sia giusto anteporre il progresso ad un equilibrio naturale di cui si ignorano gli elementi essenziali.

L’immagine arriva da questo sito su una Belluno Virtuale tutta da scoprire

 

Annunci

6 commenti su “Acqua, uomo, monte

  1. blacksheep77 ha detto:

    lo cercherò, questo libro!

  2. famekimika ha detto:

    ciao, sto mettendo su un piccolo negozietto virtuale dove poter esporre le mie creazioni in legno e non solo (collane, orecchini, oggetti da scrivania, portafoto, ciondoli, etc..), mi farebbe piacere se, quando hai tempo, volessi farci un salto giusto x curiosare! Basta cliccare sul mio link al blog.
    In caso contrario scusa il disturbo…

  3. serpillo ha detto:

    L’equilibrio della natura e’ cosi’ sottile che e’ facile, intervenendo, distruggerlo. Il problema che noi uomini non siamo piu’ in grado di ricrearlo.
    Bene che se ne parli e grazie per l’info sul libro.

    Serpillo

  4. gpcastellano ha detto:

    @blacksheep: difficile da trovare, io l’ho recuperato dalla biblioteca di Settimo

    @serpillo: la segnalazione del libro mi arriva dal solito Rumiz (ma guarda un po’ chi si rivede..): sei riuscita a sfilare “La leggenda dei monti naviganti” dalla scrivania di beppe?

  5. serpillo ha detto:

    @ gp: si’ si’ ho con me il libro di Rumiz ma prima mi piacerebbe finire “Le fredde lune della Val Grande” e poi dedicarmi solo a “La leggenda dei monti naviganti!

    Serpillo

  6. Beppeley ha detto:

    Grazie del suggerimento. Ho visto anche il sito. Sull’Agenda CAI 2009 (costa circa 10 euro), dedicata alla geologia, ci sono delle pagine interessantissime dedicate al Vajont. Compresa un’escursione guidata step by step. Da non perdere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...