Fare ponti

SydneyHarbourBridgeSempre più spesso si parla di divisioni, spartizioni, distinzioni e separazioni. Puntualizzare e precisare sono passaggi necessari a comprendere, ma poi diventa indispensabile unire i lembi del ragionamento e andare oltre le divisioni. Sarà per questo che mi sono sempre piaciuti i ponti, che in un balzo oltrepassano incertezze e difficoltà. Girando in rete ho scoperto la storia del ponte ferroviario di Steffenbach, in Svizzera. In inverno veniva smontato e ripiegato per evitare che le slavine se lo portassero via: un buon compromesso tra la necessità di unire due lembi di territorio e la constatazione delle necessità "naturali" dei luoghi. In seguito è stata scavata una galleria (sempre ferroviaria) che evita il mauvais pas delle gole, ma la tratta montana è ancora visitabile come ferrovia-museo. L’immagine nel post arriva da Sidney.

Annunci

5 commenti su “Fare ponti

  1. blacksheep77 ha detto:

    che bella storia di coabitazione uomo-montagna

  2. Beppeley ha detto:

    Una meraviglia leggere i tuoi post. Rimango davvero attonito nel ritrovarmi con le mie riflessioni tradotte puntualmente dai tuoi post.

    Hai scritto:
    "diventa indispensabile unire i lembi del ragionamento e andare oltre le divisioni"

    Le metafore forti dei "ponti", soprattutto quando purtroppo crollano, sono un fortissimo richiamo quando viaggio per le vallate alpine.

    Questo ponte uniscie il villaggio di Mondrone (Val d’Ala) con il versante all’inverso, consentendo di viaggiare nel selvaggio e recondito vallone del Vallonetto. Ne ho parlato in questo post. E tornerò a farlo grazie a questo ponte…

    …e grazie a chi rende percorribile i sentieri di montagna… Nel prossimo mio post tornerò lì, per farvi incontrare l’estate indiana di Mondrone.

  3. serpillo ha detto:

    Il ponte unisce. Sono gli uomini che separano.

    Serpillo

  4. JohnDeere ha detto:

    Ai tempi dell’Università avevamo visitato un ponte levatoio in Maurienne, che si alzava quando un sensore posto più a monte segnalava l’arrivo della lava torrentizia

  5. gpcastellano ha detto:

    @john deere: be’ rispetto al fare, disfare e rifare di certi cantieri eterni è già un passo avanti…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...