E' Rognosa, stupido!

rognosaSCIALPINISMO AL SESTRIERE
Già una volta ci aveva presi in giro, fiaccando le nostre velleità contro una costiera di rocce che non portavano da nessuna parte. Avevamo incassato lo smacco e ci eravamo ripromesso di tornare in tempi migliori, più informati ed agguerriti. E Venerdì le condizioni erano ottime: neve stupenda, meteo favorevole, itinerario evidente.  A cento metri dalla punta mi sono però fermato, definitivamente. Troppo fiacco per proseguire. E così, ancora una volta, la Rognosa ha evitato che ne calcassi la cima.
Giornata persa? No, la neve era assolutamente stupenda, e questo è bastato e avanzato!
Ci rivedremo!

Annunci

5 commenti su “E' Rognosa, stupido!

  1. serpillo ha detto:

    Hai riconosciuto il tuo limite e ti sei fermato.
    Mettila tra i “sospesi”, la Rognosa rimane li’…

    Serpillo

  2. blacksheep77 ha detto:

    in montagna bisogna saper rinunciare, è il pregio maggiore di chi la frequenta, no?

  3. gpcastellano ha detto:

    Avete perfettamente ragione… ma arrivare davvero “fin lì” e poi tornare indietro… o manca l’allenamento, o è la giornata no.
    Comunque la consolazione della sciata fantasmagorica vale mille di queste cotte!

  4. Beppeley ha detto:

    E’ così che si conosce ed esplora la montanga… a tentativi… e quando sarà ora di arrivare lassù allora sarà meraviglioso perché quella cima avrà per te un sapore inestimabile: la conquista personale, desiderata, sognata, lottata, sudata,… Vorrei essere lì con te quando finalmente l’avrai fatta tua… Non c’è denaro che possa comprare quelle sensazioni.
    B.

  5. Beppeley ha detto:

    …e come ha scritto serpillo, ti è capitato una cosa assolutamente unica: hai preso contatto con il “limite” forse senza esserne completamente cosciente… Se ti capiterà di nuovo prova ad abbandonare il pensiero “ma siamo arrivati fin quì”. Lascialo naufragare nel cielo. No, quello è il momento di fermarsi e di fare emergere le domande che sono già in te. E’ in quelle domande che sta la conoscenza. E’ in quella tensione del “limite” la tua risposta. Bisogna accoglierlo serenamente, possederlo ed aspettare. E forse, da lì, comincia il superamento del tuo limite. Senza aver fretta. Con intelligenza e sapienza. La tua.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...