Facciamone ancora uno

Tra Torinese e Canavese, lungo la strada che porta alle Valli di lanzo, un ridente paesino tra Caselle e Cirié non vede l’ora di avere il proprio centro commerciale. Così gli abitanti non dovranno più spostarsi nei luoghi limitrofi per i loro indispensabili acquisti. Il popolo lo vuole, l’amministrazione lo fa. Nell’era della globalizzazione, delle due auto a famiglia, dei voli low-cost, è necessario avere dietro casa l’ipermercato, per potersi consioderare un paese civile, evoluto, all’avanguardia con i tempi. E quindi, non dubitate, tra breve le ruspe entreranno in azione.


L’espressione "essere alla frutta" mi è sempre sembrata poco incisiva. Da poco ho scoperto che in Toscana si dice "essere alle porte coi sassi", per intendere che la situazione è ormai compromessa, gli spazi di manovra sono ridotti e non c’è quasi più tempo per agire. Ecco, al leggere di queste trovate geniali per "tirar soldi" e "sviluppare l’economia" mi viene proprio da pensare che siamo alle porte con i sassi.

Ringrazio gli amici valdostani per l’immagine.

Ruspa

Annunci

5 commenti su “Facciamone ancora uno

  1. anonimo ha detto:

    Già, però alla fine tutti noi andiamo a fare la spesa al supermercato comunque (e risulta pure comodo a quanto pare)! Carla

  2. gpcastellano ha detto:

    Si certo, ma averne dieci in dieci chilometri di strada non è sviluppo, è solo speculazione e mancata pianificazione.

  3. blacksheep77 ha detto:

    sì, non ne basta uno grande, ben fatto? no, 10 a confonderti le idee e non trovi mai tutto quello che hai sulla lista, così magari ti devi fermare nell’altro e…
    ma cosa stanno facendo intorno alla tangenziale, sulle migliori terre agricole che aveva il torinese? a cosa servono tutti quei centri commerciali, eh? se la gente non ha soldi, cosa va a comprare lì dentro??

  4. gpcastellano ha detto:

    @blacksheep: che cosa comperi? l’ora d’aria (e non è una battuta, ma quello che tempo fa mi disse una conoscente di torino, sostenendo che una volta al giorno DOVEVA andare alle GRU). Ed allora…. siamo davvero alle porte coi sassi!

  5. serpillo ha detto:

    E’ vero che si va al supermercato, ma non disdegno il piccolo negozio sotto casa, dove puoi ancora chiacchierare e sentirti dire “come va oggi?” o parlare del piu’ e del meno.
    E poi di tutti questi supermercati cosa ne facciamo? Lo stipendio e’ sempre uno solo. Siamo circondati dal cemento. Il poco verde che c’e’ ancora fuori citta’ viene riempito di cemento. Che dire: mangeremo anche noi il cemento? Pouvri nojaotri

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...