L'angelo dell'Oberland

E’ con grandissimo piacere che ospito un racconto dell’amico Alessio sulle avventure di tre canavesani in terra svizzera, dalle parti dell’Oberland bernese. E colgo l’occasione per ringraziarlo ancora del permesso di poterlo pubblicare qui. Allego il link al suo spazio su picasa.

L’ Angelo dell’Oberland Bernese

 

Eccomi qua, mi presento, sono l’Angelo dell’Oberland.

Dopo una piccola disavventura avvenuta anni fa da queste parti, il grande capo mi ha assegnato il compito di seguire gli alpinisti e scialpinisti nelle terre di ghiaccio e roccia.

Eccoli arrivare, siamo a Grindelwald. I loro nomi sono Chiara, Davide e Alessio, arrivano dal Canavese, dove ho un amico che fa il mio stesso lavoro, l’angelo accompagnatore per le pareti del Sergent e Caporal.

Appena scendono dall’auto sono come ipnotizzati dalla parete nord dell’Eiger 3970 m e incominciano a descriverla: il primo nevaio, il secondo, il terzo, il ferro da stiro, la rampa, il ragno, la traversata degli dei, le fessure finali.

Non vorranno mica scalarla? E’ difficile e lunga!!

Vedo spuntare dalla macchina sci e scarponi. Niente parete nord, faranno un giro tutto intorno.

Fanno i biglietti per il trenino dello Jungfraujoch. Quattro biglietti, cosi’ mi riposo un po’ in treno: a volte ci vogliono anche i mezzi meccanici.

Eccoci arrivati allo Jungfraujoch 3454 m, c’è molto caos, tanti stranieri da tutte le parti del mondo. Usciamo dalle gallerie ed ecco uno spettacolo della natura: il ghiacciaio dello Jungfraufirn.

I miei tre ragazzi fanno qualche immagine di ricordo, su dai che oggi il Monch 4107 e’ avvolto dalle nuvole, andiamo a farci una birra alla Monchsjochhutte 3627, dai forza.

Ma cosa stanno facendo? Mettono le pelli di foca agli sci, dimenticavo che io non ne ho bisogno, ho le ali.

Arrivati al rifugio, una birra e un po’ di riposo.

Ma cosa stanno facendo? Rifanno gli zaini, dove vanno? Si stanno dirigendo verso l’attacco della normale del Monch che nel frattempo si e’ liberata dalle nubi: siete sicuri di dove volete andare?

Ho capito, vi seguo, questo e’ il mio lavoro “l’angelo custode”

Piano piano incominciamo a salire tra roccette e bei pendii scalinati: piano ragazzi io non ho ne’ ramponi ne’ piccozza.

Qui quasi quasi e’ meglio legarsi!

Ecco fatto l’ultimo pendio e la cresta, eccoci in cima al Monch 4107m.

Due immagini di ricordo, guardate Grindelwald e i suoi prati verdi, che bello sarebbe essere la’ al sole con una birra fresca, invece…..

Iniziamo la discesa, mi raccomando piano piano che non siamo a fare una passeggiata; in un battito d’ali siamo al rifugio.

Ci danno una suite, e’ un po’ bassa, povere le mie ali! Alle 18.00 scendiamo per cena, Alessio, Chiara e Davide mangiano e io ceno con un po’ di pane degli angeli e nettare.

Le 21.00 arrivano in fretta e si va a riposare. Buona notte ragazzi miei, buona notte.

 

Al mattino seguente alle 5.15 suona la sveglia.

No! E’ presto per alzarsi, fuori e’ ancora buio! Ho capito siete dei mattinieri.

Dopo una abbondante colazione, in partenza, ecco una bellissima alba, un attimo di pausa per godere di questo spettacolo e immortalarlo, poi via in discesa per il ghiacciaio Ewigschneefald.

Ragazzi piano, andate piano io ho solo due ali, devo fare domanda al grande capo per un paio di assi fiammanti, per favore piano.

Eccoli laggiù, si sono fermati, ora li raggiungo.

Cosa fanno? mettono le pelli agli sci e incominciano a risalire il pendio in direzione dei Fiescherhorn.

Ok questa e’ l’andatura giusta, piano piano intanto non abbiamo fretta.

Eccoci sotto il colle Fieschersattel 3923 m: che pendio a 50°!!.

I miei ragazzi fanno una piccola sosta, sci a spalle e ramponi ai piedi e incominciano a salire il pendio, vanno piano chissà che fatica!

Eccoci al colle, posati gli sci e zaini e dopo uno spuntino ci incamminiamo verso il Gross Fiescherhorn 4048 tra roccette e rampe di neve e ghiaccio, in un battito d’ali eccoci in vetta, panorama stupendo, due immagini di rito.

Dopo una piccola sosta e’ ora di scendere, ci avviamo corso il colle.

Arrivati al colle calzano gli sci e ci incamminiamo verso il Hinter Fiescherhorn 4027.

A circa 30 m dalla vetta posano gli sci e calzano ramponi e picca, due roccette tranquille e sono in vetta al Hinter Fiescherhorn 4027 m, le solite immagini di rito e incominciano la discesa verso gli sci e gli zaini.

Calzati gli sci incominciano al discesa verso la Finsteraarhornhutte 3040 m, dopo poche curve l’andatura diminuisce per la stanchezza e gli zaini pesanti e non riescono a sciare come vorrebbero.

A un certo punto della discesa: piano attenti ai crepi uno qua’, uno la’, quello e’ grosso, piano ragazzi fate attenzione, state attenti alla seraccata sopra alla vostre teste, piano senza fermarvi, cosi va’ bene siete fuori dal tiro dei seracchi, in lontananza si intravede la Finsteraarhornhutte 3040 m.

In un attimo eccoci al rifugio, non dovrebbero chiamarlo rifugio ma hotel, tutto in legno, per terra c’è persino la moquette nera, che lusso!

Dopo uno spuntino, per me a base di pane d’angeli e birra bionda per i miei ragazzi, mangiamo e sorseggiamo un bel boccale di birra e facciamo un riposino.

Alle 18.00 ci chiamano per la cena, in questo hotel si mangia bene e in abbondanza loro, io il solito pane degli angeli e un po’ di nettare.

Oggi i miei tre amici sono un po’ stanchi e vanno a dormire alle 21.30, buona notte giovanotti e speriamo domani mattina di non alzarci troppo presto come sta mattina. Buona notte.

 

Al mattino del 3°giorno alle 5.15 suona la sveglia.

Uffa e’ di nuovo ora di alzarci: cosa hanno in mente i miei ragazzi oggi?

Ok per prima cosa fanno gli zaini leggeri e una colazione abbondante, io mangio solo e sempre il mio pane degli angeli e nettare con latte, la giornata non e’ delle più belle.

I miei ragazzi partono con ramponi e sci a spalle visto che il pendio che sale al Finsteraarhorn 4273 m e’ ripido e ghiacciato.

Dopo il primo pendio sono fermi a trafficare, sci a terra con i coltelli e ramponi nello zaino, cosi’ viaggiano più spediti, la vetta e’ avvolta dalle nubi, sembra una giornata negativa per salirla.

Di buon passo siamo al colle Fruhstuckplatz 3615 m sopra di noi gli ultimi pendii avvolti nella nebbia, ad ogni folata di vento la punta si apre e si chiude di nuovo, ci fermiamo si consultano. Decidono di continuare anche perché davanti a loro c’e’ un istruttore, guida alpina italiana e man mano che saliamo la punta si libera e ci abbaglia la sua poderosa cresta innevata, ma i ragazzi non si arrendono e arrivano al colle Hugisattel 4088 m.

Che cresta imbiancata! Le relazioni dicono 2° grado su roccia ma con questa neve e ghiaccio e’ un’altra cosa.

Un attimo di pausa e preparano il materiale: picca, ramponi, corda ecc. ecc. Si incamminano, il primo pezzo e’ ok, facile per modo di dire.

Attenzione Alessio il rampone sx si e’ staccato, fai attenzione!!

I ragazzi si fermano e sono preoccupati, per il rampone “non e’ giornata”.

Proviamo a ripartire, il rampone continua a staccarsi e non vuole lavorare – oggi e cosi’ – decidono di tentare la vetta con solo un rampone.

Subito non c’e’ problema ma a meta’ cresta a circa 4180 m la seconda disavventura: il secondo rampone quello dx da’ anche lui dei problemi seri e cosi’ finisce la salita al Finsteraarhorn 4273 m di Alessio, fatta una sosta ad uno sperone di roccia, lascia Chiara e Davide a tentare la vetta.

Dopo circa un’ora eccoli arrivare felici e contenti, con una esclamazione di Chiara: timbrata!!!.

Incominciamo la discesa e dopo qualche minuto ecco il terzo inconveniente della giornata, il rampone di Chiara si rompe “che iella: su 6 ramponi 3 fuori uso”. Ripartiamo piano piano facendo sicurezza a vicenda e arriviamo al colle Hugisattel 4088 m.

Un attimo di pausa e si riparte sci ai piedi per la Finsteraarhornhutte 3040 m,

La prima parte della discesa bella con neve crostosa ma morbida e nella seconda parte trasformata-firn con un velo di neve marcia sopra; Alessio scende lentamente ed un po’ alla volta e con l’aiuto di San Spazzaneve e San Derapata (pendio OSA ottimi sciatori alpinisti) arrivano all’hotel Finsteraarhornhutte 3040 m.

Arrivati all’hotel si concedono uno spuntino, io pranzo sempre con il mio pane degli angeli e birra (sono a dieta).

I miei ragazzi sono felici per come è andata la salita e la discesa, Alessio e’ un po’ rammaricato per la mancata punta, ma non è un problema intanto da li’ le montagne non si spostano e bisogna sempre portare tutte le piume a casa.

Il pomeriggio si fa più cupo e incomincia a nevicare, e’ l’ora del pisolino, alle 18.00 si va a cenare visto l’andamento di questi giorni che si cena presto, si va a dormire altrettanto presto alle 21.30. Buona notte ragazzi.

 

Il giorno seguente, il 4° giorno alle 5.30 suona la sveglia, anche oggi l’ultimo giorno cosi’ presto!

I ragazzi preparano gli zaini e dopo la colazione lasciano l’hotel Finsteraarhornhutte 3040 m in direzione del colle Grunhornlucke 3280 m, al colle sosta, via le pelli e giu’ alla Konkordiaplatz 2700 m per pendii stupendi con neve ghiacciata, meglio di sciare in pista e io devo volare a tutta birra per non perderli, dato che sono veloci.

Alla Konkordiaplatz, un piano di circa 3 km per 3 km, in mezzo al ghiacciaio del Jungfraufirn eccoli la’a rimettere le pelli agli sci e mandare gli sms a casa per comunicare che e’ tutto ok.

Incominciamo a risalire il Jungfraufirn in direzione del trenino allo Jungfraujoch 3454 m, uno spostamento di circa 7 km con un dislivello di circa 700 m (3h), questo tratto e’ lungo e noioso, arriviamo al trenino e siamo felici e brindiamo con the al karcade’. Saliamo al treno che ci porta a Kleine-Scheidegg e giu’ a Grindelwald e passando sotto l’imponente parete nord dell’Eiger 3970 m ci viene in mente quanti hanno lasciato li’ le loro piume. Arrivati a Grindelwald consueta birra al cospetto della nord dell’Eiger (l’orco) e dei suoi prati verdi, che spettacolo!!!

Saluto i miei tre ragazzi: per tre giorni ho fatto loro da angelo custode e auguro loro un buon rientro e altre scalate, facendo attenzione a portare sempre tutte le piume a casa.

 

L’Angelo custode dell’Oberland

Annunci

3 commenti su “L'angelo dell'Oberland

  1. roby4061 ha detto:

    belloooooooooo 🙂 complimenti ad alex!

  2. blacksheep77 ha detto:

    complimenti per il racconto 🙂
    …una vacanza di tutto riposo, eh? tanto di cappello!!!

  3. anonimo ha detto:

    Non sono una praticante di alta montagna, ma il racconto mi ha rapita. Complimenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...