Poesia di Mario Luzi

Settimana che si annuncia ricca di eventi ed impegni: vi lascio questa poesia di Mario Luzi, che chiude il volantino  di Torino Spiritualità.

Ci sentiamo dopo mercoledì.

Quante ombrose dimore hai già sfiorato,

anima mia, senza trovare asilo:

dal sogno rifluivi alla memoria,

da memoria tornavi ad essere sogno,

per via ti sorprendeva la bufera.

Senza felicità, senza speranza

di quiete – ma guarda come il volto

puramente contiene il suo destino –

A volte ti levavi rischiarata

dalla ragione, a volte ti eclissavi.

Vivi, incredibilmente ti fu dato;

esisti, come sia lo chiedo ancora

al passato, a quest’ora in cui più lieve

la montagna di sè scolpisce il sole

e la sera che il mare blu deplora.

  poesia

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...