Editoriale

Dopo una settimana in giro per lavoro, all’oscuro di vicende politiche e non, scatta la necessità di riaggiornarsi… Nel fare ciò mi imbatto nel commento di Internazionale di oggi, che trascrivo di seguito (l’amarezza che mi ha lasciato la abbandono a voi, excuse-moi). 

La settimana

Marmotta
Sabato prossimo è il giorno della marmotta. In quello che molti considerano giustamente un capolavoro assoluto della cinematografia contemporanea, Ricomincio da capo, Bill Murray è un giornalista televisivo che viene spedito a Punxsutawney, in Pennsylvania, per un reportage. Il 2 febbraio la marmotta Phil si sveglia dal letargo ed esce dalla tana. A seconda del suo comportamento, si capisce se l’inverno durerà altre sei settimane oppure no. Ma arrivato a Punxsutawney, Bill Murray si ritrova intrappolato in un loop temporale, un incubo senza fine. Il tempo si è bloccato: ogni giorno è il 2 febbraio, la sveglia suona alle sei in punto e dalla radio esce I got you babe. Ogni giorno succedono esattamente le stesse cose, ogni giorno si ripete uguale a quello precedente, senza che Bill Murray riesca a impedirlo. Prodi-Berlusconi-Prodi-Berlusconi: da quindici anni, in Italia, è il giorno della marmotta. –
Giovanni De Mauro

Annunci

4 commenti su “Editoriale

  1. blacksheep77 ha detto:

    parlavano del giorno della marmotta (la nostra Candelora) a Condor su Radio2 ieri pomeriggio…
    bentornato!

  2. gpcastellano ha detto:

    Giusto, preso dall’entusiamo della citazione mi sono dimenticato che oggi fosse la Candelora, giorno “di marca”. Ne approfitto per completare il discorso della marmotta: se quando esce dalla tana è nuvoloso, e quindi non vede la sua ombra, significa che l’inverno è finito. Se, al contrario, fa bello, allora la marmotta vede la sua ombra, si spaventa e ritorna in tana. E l’inverno non è ancora finito.

  3. blacksheep77 ha detto:

    oggi era nuvoloso, ma poi ha fatto una breve comparsa il sole… però a me pareva di sentire aria di primavera, mentre pedalavo tra i campi del pinerolese. abbondantemente concimati, a volte mancava il fiato anche se ero in pianura…

  4. roby4061 ha detto:

    oppure, citando il Gattopardo…

    “Se vogliamo che tutto rimanga come è, bisogna che tutto cambi!”

    La sapeva lunga il Tomasi..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...